Notizie Homepage e FB

A CONCERTO PER GENOVA:
CONCRETI, UNITI E ISPIRATI DALLA MUSICA


Nasce dal comune intento dei Rotary Club di Savona e Varazze Riviera del Beigua, con il Rotaract di Savona, l’evento che vedrà protagonista l’Orchestra Sinfonica dell’Aia, imponente complesso strumentale, composto da più di 40 elementi (fiati, ottoni, archi).
Il 25 ottobre 2018, alle ore 20,30, in Savona, il Teatro Chiabrera, in Savona ospiterà l’evento musicale di eccezionale rilevanza, che è sostenuto dal Distretto Rotary 2032, ed esprime altissimo valore in termini di cultura e di solidarietà.
L’ingresso è gratuito a offerta libera, con lo scopo di raccogliere fondi a favore delle famiglie delle vittime del crollo del Ponte Morandi-Genova, ed in particolare le famiglie che hanno perso il capofamiglia e, con esso, il valore della relazione parentale e il sostegno materiale.
Ciò in piena realizzazione dello scopo dell’azione a sostegno della madre e del bambino, indicata come finalità dal Governatore del Distretto 2032, Gian Michele Gancia.
La raccolta sarà gestita direttamente dal Distretto Rotary 2032, che ha acceso un conto corrente dedicato, denominato "Un ponte di solidarietà per Genova", presso la Banca Passadore (IBAN IT82L0333201400000000961404).

Il programma concertistico è caratterizzato da una molteplicità di produzioni musicali, spaziando nel contesto di un panorama concertistico molto ampio, seguendo il percorso che si snoda attraverso le più note arie liriche – con la partecipazione del soprano Maria Catharina Smits, olandese e savonese di adozione – fino alle suggestive colonne sonore, composte da Rota e Morricone, e con cenni a musicalità dei Paesi Bassi.
L’iniziativa, frutto della collaborazione tra enti, associazioni (in particolare, Pro Musica Antiqua) ed il mondo rotariano, concretizza il sentimento di umana solidarietà verso la Città di Genova e, al tempo stesso, intende soffermare l’attenzione non solo sulla grave ferita inferta al territorio ligure, necessariamente ed oggettivamente collegato – per motivi di lavoro, economici e sociali – con il Capoluogo, ma soprattutto sulle dolorose ricadute, umane e sociali, del drammatico evento.
In tale prospettiva, alla necessaria riflessione iniziale, consegue la partecipazione attiva per la realizzazione di valori etici e di generoso supporto - morale e materiale - in favore dei soggetti deboli, partecipazione che apre, ancora una volta, uno squarcio di speranza, di conforto e di richiamo alla quotidianità della vita.

Siete Tutti invitati a partecipare.