Stagione completa - Blocco nel nodo Homepage

                                

   A breve novità sulla programmazione Estiva dell'Opera Giocosa - Restate collegati!

Non perdetevi l'evento dell'estate! 


       

Ecco i vincitori del bando di concorso OpenèOperamia!

1° classificato

Papagheni - Liceo Grassi di Savona (Zucchinali Chiara, Russo Irena, Canepa Chiara, Magagnoli Cleria, Badano Alessio) con la partecipazione straordinaria di Matthia

 

2° classificato a parimerito

Non me la canti giusta – Liceo Grassi di Savona (Leoni Margherita, Crapiz Adele, Minerdo Virginia, Urbinati Anna, Martino Maria)

 

Cadaveri Eccellenti - Liceo Martini di Savona (Leo Noceto – Giulia Intili e Rachele Dotta)

 

« È opera mia ! »

Giovani, teatro lirico
e partecipazione
 
Una sfida per l'Opera Giocosa: rinnovare il suo legame col territorio

Anche per il 2017, come per l’anno precedente, l'Opera Giocosa porta avanti il progetto OpenèOperaMia e permetterà agli studenti di trasformarsi in giovani reporter prima, dopo e durante gli spettacoli per raccontare, con i propri mezzi e tramite il proprio linguaggio, lo spettacolo in tempo reale. Un social wall raccoglie  il frutto del loro lavoro grazie a piattaforme social e canali appositamente creati per l'occasione (già attivo e visibile il profilo Instagram legato al progetto) affiancati, naturalmente, da esperti di comunicazione e fotografia digitale che continueranno il percorso intrapreso nel 2016. In occasione delle rappresentazioni de La Serva padrona e Maestro di cappella realizzate per il pubblico scolastico alle Officine Solimano nell’ambito del progetto OpenèOperamia, in collaborazione con la compagnia teatrale dei Cattivi Maestri, è stato indetto un bando di concorso rivolto agli studenti degli Istituti Secondari di Primo Grado per la realizzazione di  un artefatto visivo creato per incuriosire i ragazzi, nell’ottica di dimostrare che è possibile trovare una via a basso costo per comunicare efficacemente con loro. Il prodotto che si intende realizzare è un  video “teaser” di presentazione dello spettacolo: un tipo di prodotto audiovisivo che per sua natura non svela le caratteristiche e il nome dell’elemento promosso, quindi ideale per aggirare la possibilità di un rifiuto a priori del messaggio da parte dei giovani. Il lavoro finale, sarà, non solo diffuso tra le scuole che assisteranno alla rappresentazione, ma sarà diffuso in rete sulle più importanti piattaforme sociale affiancanto da un hashtag per veicolarne agevolmente i contenuti  da una piattaforma all’altra con lo scopo di sfruttare il fenomeno della condivisione.