Progetto Scuole

TEATRO COMUNALE G. CHIABRERA

Giovedì 18 ottobre 2018, ore 10.30

LA MODISTA RAGGIRATRICE
Vero intrigo amoroso tessuto da una modista, musica frizzante di Paisiello ai tempi contrapposto a Rossini ma amato e rispettato da tanti compositori dell’epoca, uno tra tutti Mozart e primo esempio di globalizzazione in musica: i suoi viaggi e le sue permanenze hanno toccato tutte le città europee, da Milano a San Pietroburgo. Una produzione dell’Opera Giocosa con la collaborazione dei Conservatori della Liguria.

Musica di Giovanni Paisiello
Libretto di Giovanni Battista Lorenzi

Produzione del Teatro dell'Opera Giocosa di Savona
Interpreti: Studenti dei corsi di canto del Conservatorio di Musica Giacomo Puccini della Spezia
Regia: Jacopo Marchisio

Orchestra del Conservatorio di Musica Giacomo Puccini della Spezia
Maestro Direttore: Giovanni Di Stefano

Vai alla schede dell'opera >

 

TEATRO COMUNALE G. CHIABRERA

Mercoledì 31 ottobre 2018, ore 10.00
Martedì 6 novembre 2018, ore 10.00

IL BARBIERE DI SIVIGLIA
ROSSINI 150!
L’opera più nota del compositore pesarese nel 150° anniversario della morte, in una recita interamente dedicata al pubblico giovanile, un cast e una regista giovani che sapranno avvicinare questo capolavoro ai ragazzi.

Musica di Gioachino Rossini
Libretto di Cesare Sterbini

Produzione del Teatro dell'Opera Giocosa di Savona
Regia: Stefania Panighini

Orchestra della Fondazione Teatro Carlo Felice di Genova
Maestro Direttore: Aldo Sisillo

Coro Lirico del Teatro dell'Opera Giocosa di Savona
Maestro del Coro: Gianluca Ascheri

Vai alla schede dell'opera >

 

TEATRO DEI CATTIVI MAESTRI DI SAVONA

Mercoledì 28 novembre 2018, ore 10.00 e ore 12.00
Giovedì 29 novembre 2018, ore 10.00 e ore 12.00
Consigliato agli alunni dalla scuola secondaria di primo grado

IL MAESTRO E LE CANTANTI
Le colorite lezioni di canto che uno stravagante “vocal-coach” di metà 1800, il maestro Biscroma Sincopata, tiene nel suo studio a tre - altrettanto stravaganti - cantanti o aspiranti tali: la spagnola Dolores Depanza, l’Italo tedesca Isolde Koloratür e la veneziana Bice Michielin.
Situazioni comiche e imbarazzanti, consigli tecnici opinabili, scale, arzigogoli e virtuosismi più o meno azzeccati. Chissà se una di queste tre vocalist avrà il famoso X- Factor?? Ai ragazzi l’ardua sentenza…

Musica e libretto di Lauro Rossi
Orchestrazione di Alberto Cara

Produzione del Teatro dell'Opera Giocosa di Savona
Regia: Matteo Peirone

Interpreti: Linda Campanella, Matteo Peirone

Ensemble del Teatro dell'Opera Giocosa
Maestro Direttore: Massimiliano Piccioli

 

TEATRO COMUNALE G. CHIABRERA

Venerdì 16 Novembre 2018, ore 10.00 e ore 12.00

L'HISTOIRE DU SOLDAT
Consigliato agli alunni delle quarte e quinte delle scuole secondarie di secondo grado

Capolavoro innovativo e inclassificabile (un po' opera, un po' musica di scena, un po' balletto) del teatro musicale novecentesco, l’ Histoire du soldat raggiunge il secolo di vita nel 2018.
La vicenda, già presente nei racconti russi raccolti da Afanasjev, del soldato che vende il suo violino al diavolo in cambio della ricchezza ma finisce per perdersi nelle peggiori sventure, come afferma Giorgio Pestelli «testimonia una ferma consapevolezza delle leggi entro cui l'uomo può consumare il suo destino». Nata durante l'esilio svizzero del compositore russo, sul tragico sfondo della Grande Guerra, l'opera, con il suo grottesco affilato e il segno acre del dettato musicale, è certo una delle più esemplari creazioni del Novecento sonoro. Esemplare anche per l'economia inventiva: tre sole idee musicali dominanti, pochi personaggi, scene stilizzate. Stravinski e il suo librettista Ramuz sembrano non partecipare al dramma che osservano sconsolati, ma il tono sinistro della parodia svela una sorta di segreta, candida solidarietà per il travaglio umano descritto in questa eccentrica caricatura.
L’allestimento che si progetta di realizzare si caratterizzerà per la particolare attenzione con cui si intendono rispettare le volontà degli autori, che avevano pensato a una messinscena snella, tale da poter essere montata e smontata facilmente: lo spettacolo, nonostante l’estrema raffinatezza della scrittura musicale, avrebbe dovuto attirare, infatti, l’attenzione anche del pubblico meno colto, circolando dunque nei teatri ma anche nelle piazze dei villaggi, con la partitura strumentale a svolgere una funzione di supporto ai momenti salienti del racconto teatrale. Secondo le indicazioni per la prima rappresentazione (28 settembre 1918 a Losanna, con la direzione di Ernest Ansermet e l’allestimento scenico di René Auberjonois), saranno perciò in scena un Narratore seduto su di uno sgabello, di fronte a un tavolino con una caraffa e un bicchiere e, dal lato opposto, l'orchestra, mentre nel mezzo della scena agiranno i due attori (Soldato e Diavolo) e la ballerina (la Principessa). Le scene consisteranno in attaccapanni carichi di abiti fra cui muoversi come fossero ostacoli e da cui pescare costumi sempre nuovi per le diverse scene e in siparietti di tela che verranno arrotolati a mano a seconda dello svolgersi della narrazione.

 

Musica di Igor Stravinskij
Libretto di Charles-Ferdinand Ramuz

Produzione del Teatro dell'Opera Giocosa di Savona in collaborazione con il Teatro Cattivi Maestri e l'Associazione Rossini di Savona
Regia: Jacopo Marchisio
Voce narrante: Jacopo Marchisio

Compagnia Cattivi Maestri di Savona
Maestro Direttore: Danilo Marchello

Solisti del Conservatorio di musica Giacomo Puccini della spezia

Vai alla schede dell'opera >